Gary Hoffmann - Leonardo Finotti

Vai ai contenuti

Gary Hoffmann

I Nostri Artisti > Violoncellisti

www.gary-hoffman.com

Stagione 2017 2018
Periodi disponibili: su richiesta

Proposte di programma: il repertorio allegato


Repertorio:
Aho Kalevi concerto
Bach C.P.E concerto in la minore
Bernstein Tre meditazioni
Brahms doppio concerto op.102
Beethoven triplo concerto
Bloch Schelomo
Boccherini concerto in si bemolle maggiore
Bruch Koln Nidrei op.47
Carter concerto per violoncello e orch.
Couperin pezzo da concerto
Dutilleux Tout un mond Lointain
Dvorak concerto op.104/Rondò op.94/ Riposo nel bosco n.5 op. 68
Elgar concerto
Eliot Carter concerto
Fauré Elegia op.24
Finzi Graciane concerto, Ballade per cello e orch.
Florentz Il sogno di Lluc Alcari ( concerto per violoncello)
Renaud Gagneux concerto n.2 ( 2000)
Glazunov canto del menestrello op.71
Haydn concerto in do maggiore / concerto in re maggiore
Hindemith Trauermusik
Hoffman Joel doppio concerto, concerto ( 1998)
Kabalewski concerto n.1 op.49
Langlais concerto
Lutoslawski concerto
Mennin Peter concerto
Milhaud concerto n.1
Morawetz Oscar “in memoria di Martin Luther King”
Petitgirard Laurent concerto ( 1994)
Piston Walter Variazioni
Popper David Rapsodia ungherese op.68
Prokofiev sinfonia concertante op.125 e concertino op.132
S.Saens La musa e il Poeta, Concerto op.33, Allegro appassionato
Shostakovitch concerti n.1 e n.2
Schuman concerto
Shohat concerto ( 2001)
R.Strauss Don Chisciotte
Tchaikovsky Varizioni Rococò, Pezzo capriccioso
Vivaldi  doppio concerto in si minore, doppio concerto in si bemolle maggiore
Walton William concerto




                              

Gary Hoffman
violoncello

Gary Hoffman è uno dei più raffinati violoncellisti d’oggi, artista dal suono di straordinaria bellezza, dotato di grande maestria strumentale e di una sensibilità poetica che rendono memorabili le sue interpretazioni. Il primo premio al Concorso Rotropovich nel 1986 gli ha permesso di farsi apprezzare nel mondo, unico violoncellista nord americano a vincere il prestigioso riconoscimento. Ospite delle migliori orchestre, Hoffman ha collaborato con la English Chamber orchestra, l’Orchestra National de France, la Suisse Romande, Cleveland Orchestra, Philadelphia Orchestra, Los Angeles Chamber orchestra, per la direzione di André Previn, Charles Dutoit, Mstislav Rostropovich, Pinchas Zucherman, Andrew Davis, Kent Nagano, James Levine, Lopez- Cobos. L’artista è stato ospite dei più prestigiosi festival internazionali: Aspen, Marlboro, Bath, Evian, Helsinki, Verbier, Ravinia, Stresa. Collabora con i quartetti di Tokyo, Ysaye, Borromeo, Brentano, Emerson ed è artista membro della società di musica da camera del Lincoln Center. Nell’ultima stagione è stato ospite del Théâtre du Châtelet, del Kennedy Center, dove ha suonato le Suites di Bach, la cui esecuzione è stata definita sublime dal  Washington Post e al Ravinia Festival con il violinista Cho Liang Lin e il pianista Leon Fleischer. E’ professore all’Accademia di Kronberg in Germania. Ha compiuto varie tourné con l’Orchestra National de France, la Tapiola Sinfonietta in Svezia, l’orchestra da camera d’Israele, la Russian National Orchestra, l’Orchestra di Marsilia, l’Ensemble Orchestral de Paris, la Nederlands Philarmonisch Orchester. Gary Hoffman ha presentato in prima esecuzione molti concerti per violoncello : Laurent Petitgirard, Joel Hoffman, Renaud Gagneux, Gil Shohat, Graciane Finzi, Nell’Aprile 2009 ha eseguito in Francia per la prima volta il concerto di Elliott Carter con l’Orchestra Filarmonica di Montecarlo. Nato in Canada nel 1956, Hoffman ama dedicare parte del proprio impegno anche all’insegnamento. E’stato il più giovane docente nella storia dell’Università dell’Indiana, dove è rimasto per otto anni. La sua discografia è edita da Sony, Emi, Hyperion, BMG, Chant du Monde. Suona uno strumento di Nicolò Amati del 1662, ex Leonard Rose.

Breve Rassegna stampa:
“Penso che Yo-Yo Ma sia fantastico, ma l’esecuzione di Gary è più commovente”, dice Jennifer Kloetzel, violoncellista del Cypress String Quartet. “E’ uno dei migliori violoncellisti viventi, alla pari con i più eccelsi violoncellisti di tutti i tempi”.
San Jose Mercury News – 22 ottobre, 2006 - Richard Scheinin

Dvorák, Concerto per violoncello– Greensboro Symphony
L’esecuzione che Hoffman ha offerto dell’assolo è stata mozzafiato fin dalle prime note. La qualità del suono del suo violoncello è densa e ricca in tutti i registri e il suo controllo dell’intonazione è sbalorditivo anche nei passaggi più veloci. L’applicazione raffinata delle dinamiche e il fraseggio squisito hanno innalzato questa esecuzione ben oltre il livello di modello di maestria tecnica. Raramente ho ascoltato qualcuno anche solo avvicinarsi al grado a cui Hoffman ha fatto scaturire la poesia di questo capolavoro.
Classical Voice of North Carolina – 24 febbraio 2007 - William Thomas Walker

Debussy, Sei sonate per vari strumenti – Chamber Music Society del Lincoln Center
“Non ci si può lasciar sfuggire la magnifica esecuzione che Hoffman ha reso del Concerto N.1 di Shostakovich. Il violoncellista canadese ha interpretato questo concerto oscuramente vivace … corteggiando le passioni con una natura completamente diversa ... eseguendo in forma brillante l’interpretazione di emozioni represse”. Capital Times


Shostakovich, Concerto per violoncello n.1- Symphony Silicon Valley
“La Symphony Silicon Valley ha suonato con alcuni importanti solisti nelle ultime stagioni, ma francamente nessuno regge lontanamente il confronto con il violoncellista Gary Hoffman, la cui esecuzione con l’orchestra di giovedì sera al California Theatre ha segnato un nuovo punto di riferimento musicale … La sua interpretazione del Concerto N.1 di Shostakovich ha condotto la musica al cuore dell'universo ombroso del compositore, un luogo di bellezza tanto straziante quanto tenera. L’intera orchestra sembrava elevata, illuminata, dalla concentrazione di Hoffman e dalla sua onestà espressiva. Dunque il mio consiglio è quello di andarlo ad ascoltare alle sue altre apparizioni al California, questa sera o domenica pomeriggio.
San Jose Mercury News – 28 ottobre 2006 - Richard Scheinin

Bach, Suites Sublimi
Il violoncellista Gary Hoffman ha affrontato un compito estremamente arduo martedì sera: catturare l’audience eseguendo della musica che non è stata concepita per il grande e vario pubblico di una sala da musica. Ma Hoffman ci è riuscito con tre delle sei Suites di Bach per Violoncello Solo, suonando per un ampio pubblico presente al Terrace Theater del Kennedy Center. Forse è stato il modo in cui il violoncellista ha ricreato le illusioni di cui Bach ha intessuto la sua musica, come nella Suite N. 5, con le entrate e le frasi echeggianti che davano l’impressione ci fosse un’orchestra completa; oppure la vivacità delle bourrée gioviali e della giga nella Suite N. 3; od ancora le maestose courantes che sembravano trasportare gli ascoltatori in una nobile sala reale. Non vi è una sensazione di pura introspezione più potente di quella che Hoffman ha conferito alla Suite N. 1: ogni movimento è un dialogo interno al massimo livello individuale.
Washington Post – 26 febbraio 2004 - Cecelia Porter




Discografia:
Chopin sonata per cello e piano con Jean Philippe Collard EMI 7548192
Rachmaninov sonata per cello e piano Collection Red Line
Mozart trio divertimento K.513 con A.Dumay e G.Caussé EMI 7540092
S.Saens  La musa e il poeta con Patrice Fontanarosa EMI 754913-2
Janacek Conte, et Presto, pianoforte Mikhail Rudy EMI 555585-2   
Tchaikovsky e Arensky Trii per violino e pf con Y.Bronfman e Cho Liang Lin  Sony SK 53269
Trii di Ravel e Debussy Trii con A. Prévin, Kim e Ohyama BMG/RCA 09026607-132  
Schumann quartetti con pianoforte A.Prévin Kim e Ohyama  BMG/RCA 09026613-841
Aho Valevi concerto per cello-orch.di LahtimOsmo Vanska Sonpact BIS 709
Bernstein tre meditazioni per cello e orch. Orch.di Cannes Sonpact
Chausson quartetto con pianoforte Pascal Devoyon, Philippe Graffin e Toby Hoffman  Hyperion 66907  
Chausson Trio con pianoforte e violino Pascal Devoyon e Philippe Graffin Hyperion 672028
L. Petitgirard concerto per cello e orch. Orchestra Filarmonica di Monte Carlo Le Chant du Monde LDC 2781113
Shostakovitch sonata op.40/ Moderato per cello e pf. / Philippe Bianconi
Prokofiev sonata/ Ballade op.15/ Adagio op.97 bis Philippe Bianconi Le Chant du Monde 2781112 HM 90
Mendelssohn Le opere per violoncello e pianoforte con il pianista David Selig 2012 La Dolce Volta- Harmonia Mundi  
    







                                                          

Cookie e Privacy Policy                                                                                         Contatti
Torna ai contenuti