Leonardo Finotti


Vai ai contenuti

Sofya Gulyak

I Nostri Artisti > Pianisti

Sofya Gulyak
pianoforte

Primo premio Concorso di Leeds 2009

Nel Settembre 2009 Sofya Gulyak ha vinto il primo premio e la Medaglia d’Oro Principessa Mary alla sedicesima edizione del Concorso pianistico di Leeds, prima e unica donna nella storia della manifestazione a raggiungere l’ambito riconoscimento. Questo fondamentale traguardo nella vita artistica dell’interprete rappresenta il coronamento di una serie di importanti affermazioni in prestigiosi concorsi internazionali nei quali Sofya Gulyak ha ottenuto il primo premio: Tivoli piano competition a Copenaghen ( 2008), Gyeongnam International competition in Corea del Sud (2008), Maj Lind a Helsinki, William Kappel competition negli USA ( 2007); Sofya nel 2007 ha vinto anche il concorso Busoni. “Una nuova stella alla Rachmaninov”, titolava il Washington Post dopo la vittoria al William Kappel. Pienamente inserita nel solco della grande tradizione pianistica russa, Sofya Gulyak è interprete dalla maturità sorprendente, nonostante la giovane età, capace di condurre l’ascoltatore nelle intimità più nascoste del pensiero musicale. Il Times di Londra ha recentemente elogiato l’intensità e la non comune forza comunicativa del suo pianismo. Nativa del Kazan ( Russia), dove ha iniziato gli studi pianistici, l’interprete si è perfezionata a Parigi alla Scuola Normale Alfred Cortot, a Imola con Boris Petrushansky e al Royal College di Londra con Vanessa Latarche.
Nel 2012 Sofya Gulyak ha debuttato al Teatro alla Scala di Milano con un impegnativo programma comprendente la sonata di Liszt e la morte di Isotta e di Schubert la Wanderer fantasia. Molti i recital e i concerti con orchestra tenuti in tutto il mondo, ospite delle migliori sale da concerto: Teatro La Scala e Sala Verdi a Milano, Hercules-Saal a Monaco, Salle Cortot, Salle Gaveau e Salle Pleyel a Parigi, Grande Sala del Conservatorio di Mosca, Konzerthaus a Berlino, Gewandhaus di Lipsia, Kennedy-center a Washington, Palais de Musique a Strasburgo, Hong Kong City Hall, Finlandia Hall a Helsinki, Bridgewater Hall a Manchester, Teatro Municipal di Rio-de-Janeiro, Auditorium Manzoni a Bologna, Teatro di Shanghai, Aberdeen Music Hall, Salle Moliere a Lione, Walt Disney Hall a Los Angeles, King Theatre a Rabat, Kursaal in Bern, Tivoli concert Hall a Copenhagen. Solista con  London Philharmonic Orchestra, Finnish Radio Symphony Orchestra, Saint-Petersburg Philharmonic, Rio-de-Janeiro Symphony, Royal Liverpool Philharmonic Orchestra, Halle Symphony Orchestra, BBC Scottish orchestra, Orchestra Fondazione Arena di Verona, Orchestra Filarmonica di Bologna, Bucharest Philharmonic, Deutsche Staatsphilharmonie Rheinland-Pfalz orchestra, Ulster Symphony, Shanghai Philharmonic, Filippine Philharmonic, Brno Philharmonic, Oulu Philharmonic, Leipzig Philharmonic, Helsinki Philharmonic, Morocco Orchestra, Copenhagen Symphony, Orchestre National de France, Baltimore Symphony sotto la direzione di Vladimir Ashkenazy, Sakari Oramo, Marc Elder, David Hill, Donald Runnicles, Vasily Petrenko, Alan Buribayev,Theodor Guschlbauer, Rory McDonald, Danail Rachev,Fabio Mastrangelo, Michele Mariotti, Fuat Mansurov. E’ stata invitata ai Festival di Busoni a Bolzano, ai Festival di Chopin a Parigi, di Strasburgo,di Annecy, di Ravello,di Sceaux a Parigi, della Ruhr, di Chopin a Duzniki,di Cracovia,di Harrogate, di Liszt Festival a Villa d’Este, di Asolo, al Nordlys Festival in Norvegia, al Keyboard Festival di New York, di festival pianistico di Nuova Zelanda. Sofya Gulyak ha avuto l’onore di essere ostenuta dalla Fondazione Rostropovich e dalla Fondazione del Presidente della Russia. Molte sue registrazioni sono diffuse da emittenti russe, francesi, polacche, italiane, danesi, tedesche, finlandesi, americane, inglesi.


Breve Rassegna Stampa:
“E’ nata una stella alla Rachmaninov..”
Washington Post,USA

“Fenomenale Sofya Gulyak…La sua intepretazione può soddisfare le più alte richieste estetiche, mettendo assieme un virtuosismo smisurato e la più ampia contemplazione e introspezione del pensiero musicale del compositore”-
Ruch Muzychny, Varsavia

“ Oggi la tradizione pianistica russa è ancora molto presente e viva e Sofya Gulyak lo ha confermato pienamente. Lei ne è espressione grazie ad una tecnica perfetta e palpitante, che sa offrire una profonda e appagante gratificazione intellettuale. Le difficoltà tecniche non esistono. Tutto è al servizio della costruzione musicale. Grazie ad un totale controllo del suono, della dinamica e dell’articolazione, il tessuto musicale è sempre perfettamente delineato. Lei può passare perfettamente dal lirismo al pathos, dall’ironia al grottesco…”-
Silesia Presents, Polonia

Non ci si aspettava da un’interprete così giovane una tale maturità e ricchezza espressiva. Totalmente libera da vincoli tecnici, ella si identifica pienamente con la musica che suona, sia che si tratti di uno studio di Liszt, de la Valse di Ravel o delle Variazioni su un tema di Corelli di Rachmaninov. Alle onde perfettamente dominate del presto fa da contraltare un adagio di una stupefacente dolcezza, a tal punto da commuovere gli ascoltatori fino alle lacrime. “
La Dauphine Libere”, Francia

“ Una grande signora del pianoforte, concentrata fino all’estremo, che soggioga con la sua arte dei silenzi, la profondità del tocco che mescola le note, la varietà dei colori, fino a raggiungere così da vicino la verità delle opere da Mozart a Ravel, dando l’impressione, come Richter nel concerto di Schumann, di reiventarle…”
Le Scene, Parigi.

“.. Dopo il suo recital a Katowice, è difficile non essere affascinati dalla bellezza e dalla profonda maturità che questa giovane pianista russa ha rivelato. L’incantesimo si diffonde con meraviglia pensando alla non comune abilità dell’artista di passare da opere del XIX a quelle del XX secolo. Oltre 100 anni di pianismo presenti in una giovane donna d’oggi!”
Silesia Presents Journal, Polonia




Stagione 2013-2014

Disponibilità dei periodi: varie da Ottobre 2013 a Maggio 2014
Proposte di programma:
Bach-Busoni
Ciaccona - R.Schumann Sonata n.1Op. 11 -
S.Rachmaninoff : Elegia op.3 n.1/ Etude-tableaux op.39 n.5
-
S.Prokofiev Sonata n.6

F.Schubert 3 pezzi D.946 -F.Chopin Sonata n.2 -C.Frank Preludio,
Corale e Fuga
G.Fauré Notturno Op.36-Ravel La Valse

F.Chopin 2 Notturni op.55, Polonaise- fantasy op.61, Sonata n.1 o n.2,
3 Mazurche Op.59 - Scherzo n.1, Ballade n.1, Scherzo n.3

Chopin e Liszt:
Liszt. Sonetto del Petrarca n.104, Studio Trascendentale “Chasse-neige”,
Chopin. 3 Mazurche op.59, Sonata n.1 o n.2, Polonaise- Fantasy op.61,
Scherzo n.3
Liszt: Consolazione n.3, Rapsodia Ungherese n.2

Programma Russo:

Rachmaninoff. Elegia op.3n1, Preludio op.3 n.2, “Pulcinella” op. 3 n.4,
Variazioni su un tema di Corelli op.42 -
Shostakovich: Preludio e Fuga in Re
bem.maggiore op.89 n.15
Scriabin: 2 poemi op.32, Sonata n.4
Prokofiev : Sonata n.6


Beethoven 6 Bagatelle- Clementi Sonata in Do magg.op.33 n.3
Mozart Rondò in La magg. Brahms Fantasie Op.116 - Ravel La Valse

Beethoven Sonata op.101- Schubert 3 pieces D946-Scriabin 2 poemi o
p.32

Rachmaninov Variazioni su un tema di Corelli Op.42-Ravel La Valse

Schumann programma monografico

Liszt programma monografico


Repertorio con orchestra da camera e sinfonica
Beethoven concerti n.1, n.3 e n.4
Triplo concerto

Brahms concerto n.1 in Re minore

Chausson concerto in Re maggiore per violino, pianoforte e
quartetto d’archi

Chopin concerto n. 1 in Sol minore
concerto n.2 in Fa minore

Grieg
concerto in La minore

Haydn concerto in Re maggiore

Hindemith tema con 4 variazioni per pianoforte e orchestra d’archi

Liszt concerto n.1 in mi bemolle maggiore

Mozart concerti K.456-K.495-K.415-K.467

Khachaturyan concerto per pianoforte e orchestra

Rachmaninov concerto n.1 in Fa diesis minore
concerto n.2 in Do minore
concerto n.3 in Re minore
concerto n.4 in Sol minore
Rapsodia su un tema di Paganini

W.Rihm capriccio per pianoforte

S.Saens concerto n.2

Schumann concerto Op.54

Scriabin concerto per pianoforte e orchestra Op.20

Shnittke concerto per pianoforte e orchestra d’archi

Tchaikovsky concerto n.1 in Si bem. min-magg


Home Page | Presentazione | I Nostri Artisti | News | Calendario | Contatti | Link | Mappa del sito


Aggiornato il 09 dic 2013 | info@leonardofinotti.it

Torna ai contenuti | Torna al menu